Progetto Oltre la Strada Ferrara

Presentazione 

- Luna blu
  
DIECI ANNI DI ATTIVITà!!!
 
 
 
 
NOVITà:

ESITO DELLA SELEZIONE PUBBLICA

del 14.12.2011

 

 

 
 

Il Centro Donna Giustizia gestisce il Progetto regionale Oltre la strada, che sviluppa programmi di protezione e integrazione sociale ai sensi dell’art. 18 del d.lgs. 286/98 (Testo unico delle disposizioni concernenti la disciplina dell'immigrazione e norme sulla condizione dello straniero) e dell’art. 13 della legge 228/2003 (Misure contro la tratta di persone), accogliendo donne vittime di tratta e sfruttamento e favorendo il loro inserimento sociale e lavorativo.

Il Progetto Oltre la strada è finanziato dal Dipartimento per i Diritti e le Pari Opportunità e nasce nel 1996 dal lavoro della Regione Emilia Romagna; si sviluppa tramite interventi attuati da un’ampia rete territoriale costituita da enti locali e soggetti del terzo settore che, nel contesto locale, vede il Comune di Ferrara in qualità di ente gestore ed il Centro Donna Giustizia in qualità di soggetto attuatore convenzionato, in collaborazione con la rete di istituzioni locali.

In sintesi, il progetto prevede una serie successiva di passaggi quali:

- l’identificazione della condizione di tratta e grave sfruttamento;

- la presa in carico;

- la collocazione in accoglienza (in appartamento protetto o con monitoraggio sul territorio nel caso in cui vi sia una collocazione alloggiativa autonoma);

- l’assistenza sanitaria (con accompagnamento in un percorso volto ad effettuare tutti gli esami clinici necessari ad una valutazione dello stato di salute. Al fine di perseguire l’obbiettivo comune della tutela e della promozione della salute per i cittadini stranieri e di contrasto a tutte le forme di violenza subite dalle donne, il Centro Donna Giustizia e l’azienda USL di Ferrara hanno predisposto un Protocollo d’Intesa per facilitare l’accesso delle utenti del Centro ai servizi sanitari);

- l’accompagnamento burocratico alla regolarizzazione, per le cittadine di paesi extracomunitari (accompagnamento all’Ambasciata del paese di origine per il rilascio di un certificato di nazionalità e in seguito del passaporto, richiesta del permesso di soggiorno per motivi umanitari alla Questura di Ferrara e rinnovo dello stesso nei termini di legge, conversione del permesso di soggiorno in motivi di lavoro) con consulenza legale e mediazione con gli avvocati d’ufficio in presenza di problematiche particolari (precedenti espulsioni, false generalità, denunce per “immigrazione clandestina”…);

- l’eventuale collaborazione con le Forze dell’Ordine e la Magistratura nella fase repressiva dei reati di sfruttamento della prostituzione, tratta e riduzione in schiavitù;

- i percorsi di alfabetizzazione e orientamento al lavoro, con inserimento in stage e tutoraggio negli inserimenti lavorativi, sulla base delle possibilità e degli strumenti (borse lavoro, tirocini formativi…) offerti dal territorio.

Il progetto Oltre la strada ha a disposizione due appartamenti protetti ad indirizzo segreto.
 
Per approfondimenti:

Acrobat PDF Report 2010 Centro Donna Giustizia

 
 
 
 

Come si accede al servizio: per telefono o direttamente, dal lunedì al venerdì ore 9-13.00 e 14.30-17.30 in via Balboni 4 – Ferrara telefono 0532 790978 fax 0532 1911421.